Il Blog di Paolo De Chiara

Popular Posts

Ciao mondo!!

Welcome to DaoNews.com. This is your first post. Edit or ...

Considerazioni sul PSR...

Considerazioni sul PSR della Regione Molise 2008-2010   ·        Un PSR ha ...

…per NON dimenticare...

...per NON dimenticare una data importante per l'Italia... dal 1945 al ...

“Arcoiris.tv sbarca anche...

“Arcoiris.tv sbarca anche in Molise”   Arcoiris.tv MOLISE Per un’Informazione libera da ogni ...

L’archivio segreto dell’ultimo...

L'archivio segreto dell'ultimo boss PALERMO - C'è tutto l'universo mafioso, dal ...

Sponsor

  • RSS

1548_1

Il caso Huscher, due anni dopo

di Paolo De Chiara

“Ho un contratto che mi lega per sei anni con l’Università degli Studi del Molise e ho tutte le intenzioni di onorarlo”. In questo modo lo scorso 3 gennaio 2008, su un quotidiano locale, il professor Huscher rispose alle polemiche che stavano investendo il suo lavoro di chirurgo. Ma la vicenda del professore bergamasco, prima di esplodere nelle mani di chi lo ha fortemente voluto in Molise, ha dovuto attendere l’interessamento degli organi di informazione nazionali. Il Caso Huscher, prima delle inchieste di Repubblica e del programma ‘Terra’, non interessava a nessuno, soprattutto in Molise. Molto è stato scritto ancor prima che il primario del reparto di Chirurgia dell’ospedale "Veneziale" di Isernia arrivasse nel capoluogo pentro. Già sul magazine ‘AltroMolise’ (agosto/settembre 2006) si poteva leggere: “Chi è veramente Cristiano Huscher? Il “geniale” Professore considerato da alcuni il massimo esperto in chirurgia mininvasiva, endoscopica, oncologica? Oppure, come sostengono alcune Procure della Repubblica, il responsabile di un consistente numero di decessi? Domande poste da un’opinione pubblica, quella molisana, disorientata dalle notizie apparse sulla stampa locale subito dopo che il direttore generale dell’Asrem, Sergio Florio, ha annunciato che il 56enne Professore di Bergamo era stato chiamato a dirigere l’Unità Operativa Complessa di Chirurgia del Presidio Ospedaliero “F. Veneziale” di Isernia.  Designazione figlia del Decreto Legislativo n. 502 del 30 dicembre 1992 che, al punto 1, consente ai direttori generali di conferire incarichi per l’espletamento di funzioni di particolare rilevanza e di interesse strategico mediante la stipula di contratti a tempo determinato e con rapporto di lavoro esclusivo, entro il limite del due per cento della dotazione organica della dirigenza, a laureati di particolare e comprovata qualificazione professionale che abbiano svolto attività in organismi ed enti o privati o aziende pubbliche o private con esperienza acquisita per almeno un quinquennio in funzioni dirigenziali apicali o che abbiano conseguito una particolare specializzazione professionale culturale e scientifica desumibile dalla formazione universitaria e post-universitaria, da pubblicazioni scientifiche o da concrete esperienze di lavoro e che non godano del trattamento di quiescenza. Il contratto decorre dal 1° ottobre del 2006, ha una durata quadriennale e si protrarrà sino al 30 settembre 2010”. Ma nessuno, forse, ha dato peso alle parole scritte dai pochi giornalisti presenti anche nella regione Molise. Bisognava aspettare le inchieste nazionali per capire il personaggio? I dirigenti dell’Asrem molisana non sapevano che il chirurgo bergamasco aveva sulle spalle già diversi avvisi di garanzia e processi? Perché solo dopo molti mesi e diverse condanne è iniziato lo scarica barile? Tutto quello che riguardava e riguarda Huscher è stato denunciato a Isernia per ben due volte in due distinti convegni pubblici con la presenza del Comitato Vittime dei Reati che segue le vicende penali di Huscher in quasi tutti i tribunali italiani. Il Comitato “Vittime dei Reati” è nato il 14 maggio del 2005, in occasione del temuto reintegro, dopo il licenziamento, del chirurgo al San Giovanni di Roma. Fanno parte del Comitato le parti civili e le persone offese nei vari procedimenti, tra cui Francesca Giorgi (parte civile) e Cristiano Furci (parte offesa). Già nel 2005 i membri chiesero la sospensione di Huscher dalla professione. “Era una misura – hanno affermato i portavoce del comitato – da attuare per effettuare gli accertamenti dovuti. Finora, Huscher, ha continuato ad operare indisturbato. Il paziente deve avere il diritto di scegliere il chirurgo a cui affidare la propria vita, conoscendone tutti gli eventuali carichi giudiziari pendenti. Solo questa sarebbe libertà, tutela del malato e diritto di scelta”. Ma in quel momento nessuno aveva qualche minima preoccupazione. Anzi anche qualche rappresentante del centro-sinistra ha provveduto a difendere Huscher dalle accuse dei magistrati e di ‘certa’ stampa molisana. “Sul caso Huscher – dichiarò l’ex senatore dell’Udeur Alfredo D’Ambrosio attraverso una nota del 2 marzo 2007 – nei giorni scorsi si è registrata una voce fuori dal coro: quella di Giovanni Cefalogli, consigliere comunale diessino nonché dipendente dello stesso nosocomio isernino. Mentre tutti si dicono frastornati e sospettosi per i tanti processi a carico di Huscher, oltre che indignati per i 500.000 euro che per l’operazione Huscher si spenderanno, Cefalogli prende tutt’altro indirizzo, magnificando le lodi del professionista, che presenta come un vero e proprio luminare”. Ma nemmeno l’interrogazione parlamentare dell’ex senatore Augusto Massa, seguita dal ‘passato’ impegno dell’attuale parlamentare Astore, ha portato la politica nazionale ad indagare sulla questione del chirurgo, voluto da Michele Iorio e da Sergio Florio, assunto, con l’assegnazione di una cattedra, senza un concorso pubblico con la formula della ‘chiara fama’. Questa vicenda potrebbe portare seri gratta capi alla giunta regionale di centro-destra, anche se l’impegno a tratti dell’opposizione non permette che al chirurgo, al centro di molte inchieste penali, venga annullato il contratto o, fino all’accertamento della verità, sia messo nelle condizioni di  non operare. Perché il dubbio è ancora troppo alto. Ma perché Iorio e Florio lo hanno fortemente cercato e voluto in Molise? Cosa c’è dietro questa scelta dell’Asrem Molise? Perché il figlio di Iorio, prima nella equipe di Huscher, ha rotto i rapporti con il primario? Se ci saranno responsabilità politiche tra chi dovranno essere suddivise? Ma ecco come il Comitato Vittime dei Reati rispose alle dichiarazioni dell’Ing. Sergio Florio sugli ennesimi rinvii a giudizio del dottor Huscher: “Per parafrasare l’ingegnere gli si deve comunicare, per l’ultima volta in modo non ufficiale, che “Ignorare volutamente”, da parte sua, che non è Egli in grado di giudicare la posizione giudiziaria del dottor Huscher in primis per assenza cognitiva dei casi giudiziari, delle Vittime e presunte tali, degli atti, delle cognizioni tecniche e di carattere giuspenalistico nonché in particolar modo di quelle di carattere medico-scientifico è un fatto che a confronto potrebbe essere dimostrato ampiamente. Già la circostanza che Egli si basi su riconoscimenti o presunti tali per giudicare la professionalità di un medico-chirurgo la dice lunga. Se l’ingegnere ritiene, d’altronde, che giudici, pubblici ministeri, avvocati e consulenti tecnici anche di rilevanza internazionale siano tutti in errore mentre Egli è depositario della verità con la propria formazione si rivolga alla magistratura a declamare quelle sì sommarie assoluzioni che promuove a cuor leggero nella più totale assenza di rispetto per le Parti Civili e le Persone Offese. …Il Comitato invita l’Ingegner Florio a scusarsi pubblicamente con i deceduti, in memoria, ed i loro congiunti”.  

articolo pubblicato da ‘Il Ponte’, agosto 2008

No Responses so far.

  1. anonimo scrive:

    TENGO A PRECISARE CHE IL DOTT/PROF. CRISTIANO HUSCHER NON E’ DI ORIGINE BERGAMASCA BENSI’ BRESCIANA.

    UN CHIRURGO BERGAMASCO.

  2. anonimo scrive:

    ..come mai nel sito:salvati da huscher…non si riesce più ad accedere…credo che tanta gente parli senza conoscere la verita’..e’ solo una “mossa” per toglierlo di mezzo…solo perche’ e’ avanti mille anni luce..potevete leggere le lettere dei suoi pazienti, e la loro riconoscenza…peccato che il sito sia stato “modificato”??????…che ignoranza tremenda…

  3. anonimo scrive:

    provate a fare http://www.salvatidahuscher.com…cosi‘ vedete con i vostri occhi..l’unico sito dove si parla veramente di lui,della sua proffessionalità e umiltà è stato modificato….ma non avete ancora capito che in italia siamo tutti dei burattini, ci fanno credere e leggere solo quello che vogliono”loro”…la verita’ ormai è un optional…

  4. anonimo scrive:

    risposta al chirurgo bergamasco che ha precisato che il prof. Huscher non è bergamasco ma bresciano:…scusa ma che commento è?se era negativo,devo allora dedurre che la tua conoscenza medica è molto ridotta…altrimenti comprenderesti la sua chirurgia!!!sbaglio dottor bergamasco?!..cosa fa le differenze come tra ultra’ atalantini e bresciani?!!!!!!!!in ballo non c’e’ una partita di calcio ma vite umane….si aggiorni!!!!

  5. anonimo scrive:

    liberta’ di scrivere? Ok; ma l’ignoranza non è e non puo’ essere scusata: per interpretare il caso Huscher sono indispensabili alcune ualita’: competenza specifica in medicina,onesta’ intellettuale, conoscenza animo umano:invidia eccsuj

  6. anonimo scrive:

    IL DOTT. HUSHER E’ IL MIGLIOR CHIRURGO IN CIRCOLAZIONE.QUANTO VORREI TORNASSE ALLE SUE ORIGINI,A GAVARDO.

  7. anonimo scrive:

    fa più rumore un albero che cade che una foresta che cresce….la foresta che Huscher ha fatto continuare a crescere e vivere non viene mai menzionata…i forse 10000 pazienti vivi grazie a lui non vengono mai ricordati..ma solo la piccolissima percentuale dei deceduti (per altro quasi tutti terminali o in fase di complicazioni che ogni chirurgo incontra lungo il suo percorso..)basta politica nella medicina..basta arrivisti che cercano guadagno o popolarità approfittando delle disgrazie dei loro familiari e un basta alle critiche di quei medici che per loro incapacità invidiano quelli migliori di loro e ne chiedono l’allontanamento per paura di sfigurare!!!!basta!!

  8. Paolo27is scrive:

    PREFERISCO I COMMENTI CON LA FIRMA
    Paolo De Chiara

  9. anonimo scrive:

    eccomi:Francesca -Brescia

  10. anonimo scrive:

    il prof è il migliore chirurgo mondiale ha salvato mia madre pur sapendo che le restavano 8 mesi di vita son passati quasi 2 anni ed io lo ringrazierò per tutta la vita vada avanti cosi prof lei è il migliore pina

  11. anonimo scrive:

    come è possible credere a persone ke cercano di buttare fango ad una persona cosi speciale come CRISTIANO HUSCHER (in maiuscolo x specificare la sua grandezza).in Molise nn hanno ancora capito ke persona speciale sia C.H. come faccia a rimanere ancora nn lo so

  12. anonimo scrive:

    SIETE UNA MASSA DI SFIGATI MA I SIETE ENTRATI NELLA CHIRURGIA DI ISERNIA è UN REPARTO ALL’AVANGUARDIA NEL CENTRO SUD ITALIA,GRAZIE AL PROFESSORE.L’OSPEDALE DI ISERNIA Fà SCHIFO L’UNICO REPARTO CHE FUNZIONA è LA CHIRURGIA SFIDO CHIUNQUE A DIMOSTRARE IL CONTRARIO.DE CHIARA MA CI HAI MAI PARLATO CON HUSCER è UNA PERSONA COLTISSIMA E PREPARATISSIMA VORREI VEDERE DOVE PORTERESTE UN VOSTRO CARO IN MOLISE.IO HA LAVORATO IN VARI OSPEDALI HO VISTO TOGLIERE RENI A RGAZZE DI 20 ANNI CHE RIMANEVANO CON UNA CICATRICE PAUROSA IL PROFESSORE Fà DUE BUCHI…….O LO ESTRAE DALLA VAGINA,NON CAPITE UN CAZZO DI MEDICINA NON PARLATE SOLO PER SENTITO DIRE MA GUARDATE I FATTI.HUSCER NON LO POSSONO VEDERE SOLO I SUOI COLLEGHI PERCHè LI Fà GALOPPARE,I O PAZIENTI PENDONO DALLE SUE LABBRA.è UN GRANDE E FORSE LO PERDEREMO E TUTTI NOI SAREMO DI NUOVO COSTRETTI AD AFFRONTARE LUNGHISSIMI VIAGGI DELLA SPERANZA VERSO MILANO ,VERONA ECC,ECC.GRAZIE A 4 SFIGATI CHE NON CAPISCONO NIENTE DI MEDICINA E CHIRURGIA.

  13. anonimo scrive:

    ……. salve io sono una delle tante persone che fino a qualche mese fa pensava che il Prof. HUSCHER fosse un ciarlatano, assassino, legato al nostro paese per questioni prettamente politiche. Oggi sono qui per chiedergli umilmente scusa, perchè l’ignoranza mi ha portato ad avere un giudizio affrettato sul suddetto PROF. che circa 15 giorni fa ha operato mio suocero ad un tumore 4° stadio allo stomaco e lo ha savato. Ma a parte mio suocero stando li in Ospedale ho potuto appurare l’umanità e la professionalità, oltre che ad un’innata-immensa cultura, del Prof.. I suoi pazienti provengono da tutt’Italia, casi disperati a cui Lui da una possibilità negata da QUELLI che Noi chiaqmiamo Grandi luminari, che ci liquidano con un semplice (x loro) mi dispiace non c’è nulla da fare. Lui invece NO, lui ci prova ci prova sempre a dare quella speranza, e cspita ci riesce per la maggior parte dei case quella speranza è una realtà. Lo sapete perchè i cosiddetti grandi chirurghi non ci provano neppure ad operare questi casi? Perchè gli COSTA, Capite, salvare una vita vale meno dei soldi di questa cazzo di regione di merda, però i soldi debbono servire per fare L’anfiteatro dedicato all’UNITA’ D’Italia, che serve di più che stanziare soldi per salvare vite umane o per la ricerca………. detto ciò mi fermo qui, anche se di cose da dire ce ne sarebbero tante, di storie da raccontare su vite salvate daL GRANDE HUSCHER ce ne sarebbero un’infinità…….. ma daltronde perchè parlare del bene quando è più facile parlarne male? UN GRAZIE DI CUORE Prof. da me e la mia famiglia

  14. anonimo scrive:

    Il Professor Huscher è un ottimo chirurgo il migliore conosciuto in tanti anni di lavoro in ospedale.
    quanto vorrei che tornasse all’ospedale S. Carlo borromeo di Milano

  15. anonimo scrive:

    Io posso solo ringraziare solo lui per essere qui a scrivere: dopo 4 interventi sono riuscita a riprendere in mano la mia vita.
    Purtroppo questa persona cmq leale e schietta dava fastidio solo ai fannulloni!!

  16. anonimo scrive:

    DE CHIARA SE HAI LE PALLE PRIMA DI SCRIVERE CAZZATE VAI IN CHIRUGIA E VEDI CHE INTERVENTI Fà IL PROFESSORE HUSCHER.PARLI DI LIBERTà DI INFORMAZIONE………MA DAI NON CAPITE UNA SEGA DI CHIRUGIA E VI PERMETTETE DI SCRIVERE STRONZATE SU UNO DEI PIù GRANDI CHIRURGHI DEL MONDO.SPERO CHE TE NE RENDERAI CONTO E PROVVEDEREAI A RIVEDERE LA TUA POSIZIONE NEI CONFRONTI DEL PROF.

  17. anonimo scrive:

    anche io mi unisco ai tanti che sostengono che il Dott. Huscher sia un chirurgo veramente competente e capace. 16 anni fa operò mio padre di carcinoma allo stomaco, dissuadendoci all’intervento dopo che eravamo stati da altri chirurghi che davano già per spacciato mio padre. A 16 anni di distanza mio padre è ancora vivo e senza traccia di alcuna metastasi.
    E’ una persona decisamente originale, ma credo veramente competente in ciò che fa…. roberto bergamo

  18. anonimo scrive:

    husher è vittima di una campagna stalinista e becera

  19. anonimo scrive:

    io sono stato operato da huscer, e gli debbo la vita.nel reparto dove lui operava vi erano tuuti i rifiutati dagli altri ospedali,lui ha sempre dato una speranza a tutti,

  20. anonimo scrive:

    DE CHIARA TU SCRIVI CAZZATE SUL PROF.HUSCHER .L'UNICO IN MOLISE CHE HA AVUTO LE PALLE DI SCHIERARSI CONTRO RE MICHELE IORIO.FAI UN ARTICOLO SUL PROF.HUSCER INVECE DI SCRIVERE PUTTANATE SUL TUO BLOG.SIETE RIMASTI TU E GIANNINI.VERGOGNA.

  21. anonimo scrive:

    tutta invidia! parlo per esperienza personale,ringrazio il cielo per averlo incontrato, parliam anche di quanto bene ha fatto questo sant uomo!!!!

  22. anonimo scrive:

    anno 1989,  a mio  mio padre 59 anni post infartuato,  2 infarti, diagnosticano un tumore allo stomaco , nessun  chirurgo all ospedale di desenzano (bs)si prende  la responsabità di operarlo, noi abitavamo a prevalle  confiniamo con gavardo dove il professore operava, mi reco con una mia amica infermiera da lui, ci dice " se non lo operiamo tuo padre ha qualche mese d vita  se  lo operiamo puo avere qualche  anno di vita in piu", mio padre è stato operato nel novembre dell 89… dopo vari accertamenti cardiologici,  è un calo corporeo imposto e controllato in ospedale ha affrontato un intervento di 9 ore, nove!!  l intervento ha interessato vari punti del corpo .. dove ormai si era propagato il tumore.. ma mio padre è morto 3 anni dopo.. passati bene eccetto gl ultimi 2 mesi.. non voglio dilungarmi  nei particolari.. mettetevi nei suoi panni  poi  ditemi…

  23. anonimo scrive:

    il dott. Husher ha illuso tanti pazienti con tumori. Sperimentando la sua tecnica che nella maggioranza di casi ha portato a morte. Non dico che determinati pazienti non sarebbero morti ugualmente ma lui operando ha dato false speranze di liberarsi di una malattia terribile peggiorando la loro vita. Parlo per esperienza personale dato che mio nonno aveva un tumore, gli avevano dato tre mesi di vita, il professore in questione l' ha operato dicendo che sarebbe guarito sicuramente. Dopo operato mangiava grazie a un sondino, non poteva parlare,respirava attraverso un buchino fatto nella gola e  peggiorava sempre di più. E' stato sottoposto a successive operazioni, dopo un anno di agonia è morto. Il dott. non è un santo come lo descrivono qui.

  24. anonimo scrive:

    de chiara non so chi tu sia ma le evidenze dimostrano che non capisci un cazzo di medicina husher e' solo uno stronzo che ha problemi comportamentali ma in chirurgia e' un grande
    be for tomorrow

  25. anonimo scrive:

    Anch’io tengo a precisare, seppur in ritardo, che Cristiano Huscher è bresciano e non bergamasco, non confondiamolo con quel poveraccio che ha voluto… precisare, o stolto!! Manco lo conosci Huscher, parli per ignoranza (bergamasca). E manco ti firmi. Siete invidiosi perché lui ha fatto il giuramento di Ippocrate, tu, voi poveracci quelli di… Ipocriti!!!

  26. anonimo scrive:

    Ho 40 anni, 2 figli,  sono stato operato dal Prof. circa quattro anni fa ad Isernia, mi ha salvato la vita.
    Nessuno in Italia o all`estero sarebbe stato in grado di fare quello che ha fatto lui.
    Il prof. Huscher mi e` stato consigliato da un prof. di un Ospedale ad Osaka, egli e` apprezzato in tutto il mondo ma sappiamo che nessuno e` profeta in patria…
    Io non sono un medico ma ho girato abbastanza il mondo, incontrando chirurghi ovunque, per poter dire che Cristiano Huscher  e` il numero 1 della chirurgia al mondo (lo dicono luminari illustri che lo conoscono e lo dice in Italia anche chi non ha interessi nella sanita`).
    Posso immaginare e capire che Huscher abbia fatto degli errori, chi non ne fa? Non credo che il punto sia questo, le persone intelligenti prima di giudicare dovrebbero guardare il bilanccio generale del lavoro svolto da questo uomo.
    A parte le capacita` tecniche del prof., gli scettici dovevano vedere l`ospedale di Isernia quando il Prof. operava, l`ospedale sembrava un ospedale da campo, l`unico reparto in ordine (se cosi` si puo` dire di una struttura fatiscente) era quello di chirurgia gestito dal Prof che otteneva certi risultati non certo con le buone…
    Si sa come vanno le cose in italia, si sa cosa succede quando si fa qualcosa di diverso, si sa cosa succede quando operi un paziente ed al posto di fargli fare 30 giorni di convalescenza in ospedale ne fa solo 3, si sa quanti soldi in meno fattura l`ospedale, si sa sopratutto cosa sono capacei di fare i soldi agli Italiani… Vive la revolution!!!!!
    Matteo

  27. anonimo scrive:

    Vidi operare Huscher agli inizi della mia carriera (circa 15 anni fa, un congresso) e rimasi letteralmente abbagliato, anche se non ho mai lavorato con lui. Huscher è notoriamente un grande della chirurgia. Chi lavora e studia per superare i confini ed i limiti di una scienza (la chirurgia laparoscopica, nel suo caso), rischia, si sa; ma lavora per il progresso ed il bene dell'umanità. Ogni chirurgo che ha visto lavorare Huscher non può che riconoscere questo ed un livello tecnico che non ha paragoni; può non ammetterlo, o lasciarsi prendere dall'invidia, ma questo è un altro discorso. La chirurgia significa anche complicanze e mortalità, purtroppo;  ma credo, anzi sono sicuro, che molti dei problemi giudiziari che ha avuto siano fonte delle numerose invidie o scontri professionali che deve aver incontrato nel suo quotidiano. Bene ha fatto chi lo ha richiamato a lavorare in questo sistema sanitario nazionale che si caratterizza per una competenza e professionalità spesso molto inferiore a quella di Huscher. 

  28. anonimo scrive:

    Grande husher non lasciarti intimorire da gente senza palle che racconta solo fandonie. A te devo due anni e mezzo di vita x la mia mamma e due difficili operazioni che hanno aiutato anche mio padre. Sei stato lo strumento di Dio.

  29. anonimo scrive:

    grazie al Professor Huscher per aver operato e guarito mio fratello……. Sei un grande……. Grazie di esistere 

  30. anonimo scrive:

    il prof. cristiano huscher è sicuramente da un punto di vista tecnico un ottimo chirurgo (non ha alcune senso fare qui una classifica precisa, poco importa se primo o secondo in italia o nel mondo), possiede indubbiamente un esteso bagaglio culturale e nozionistico.
    ha dimostrato con la sua attività clinica e chirurgica di sapere portare a termine interventi complessi e difficili che spesso erano stati rifiutati da altri colleghi (anche più blasonati), e indubbiamente ha aiutato tanti pazienti.
    la critica che invece gli viene mossa è la sua non sempre presente capacità di porre la giusta indicazione chirurgica, cosa che resta la qualità più importante di un chirurgo. proporre un intervento gravato da altissima morbilità e mortalità a pazienti oncologici anziani e in stadio avanzato si è spesso risolto in modo catastrofico. non nego che alcuni pazienti possano avere avuto per un periodo di tempo più o meno breve di stabilizzazione della malattia, ma la maggiore parte hanno subito un intervento chirurgico pesante senza alcun beneficio.
    molti pazienti non sono stati informati del rapporto rischi /benefici a cui sarebbero andati incontro sottoponendosi a tali interventi: un paziente ben informato è sicuramente più libero di decidere, anche di prendere la decisione sbagliata, ma solo se informato con correttezza e onestà.
    molti parlano della tecnica minivasiva osannandola, bisogna sempre considerare che la tecnica mininvasiva è e deve restare sempre e solo il mezzo con cui si opera e mai il fine. ho più stima di un mediocre chirurgo che si impegna con la tecnica laparoscopica e che poi davanti a difficoltà decide una conversione laparotomica , piuttosto di uno bravo che persevera con la tecnica laparoscopica facendo correre rischi inutili al paziente, pur di non fare vedere ad altri che è stato costretto a cambiare tecnica durante l'intervento chirurgico. eseguire un intervento chirurgico non è questione di dimostrare gli altri colleghi di essere più o meno bravi, è questione di fare il meglio per il paziente; a volte il meglio è non fare l'intervento chirurgico.
    ricordo un episodio abbastanza emblematico: 2004 congresso di chirurgia laparoscopica presso H Niguarda di Milano  (pres dott. R Pugliese). il dott Huscher stava eseguendo un mirabile intervento in collegamento audio-video con la platea e spiegava al pubblico in aula magna i vari passi dell'inetrevnto mentre lo eseguiva: una resezione epatica per via laparoscopia (mostrando grande abilità tecnica e conoscenza anatomica, una dote che sarebbe stupido negargli), ma verso la fine dell'intervento il fegato del paziente operato ha cominiciato a sanguinare prima poco poi sempre un po' di più, il suo assistente glielo ha fatto notare e lui gli ha risposto insultandolo come un "cretino" davanti a tutto il pubblico presente in aula magna che ovviamente ha sentito l'insulto del dott. Huscher tramite il collegamento audio. il dott. Huscher ha liquidato il sanguinamento con le parole "minimo gemizio" senza attribuirgli alcuna importanza e ha terminato l'operazione chirurgica. due ore dopo il paziente è stato riportato in sala operatoria da un altra equipe chirurgica e sottoposto a laparotomia per frenare l'emorragia epatica che ha rischiato di ucciderlo.
    guai a un chirurgo senza modestia che si crede un essere superiore. guai al chirurgo che non ha mai dubbi, che è sempre convinto che se una cosa la fa lui andrà sempre bene, e che se va male è perchè doveva andare male.
    sarebbe stato sufficiente dedicare a quall'intrevnto 30 minuti in più per bloccare il sanguinamento oppure convertire l'intervento a laparoptomico, ma in quel caso il dott. huscer voleva dimostrare di essere bravo e veloce anche per via laparoscopica.
    questo non gli perdono.
    è sicuramente bravissimo ma non ha modestia: sarà un bravo tecnico ma mai un bravo chirurgo. essere un bravo chirurgo vuol dire altro dall'essere bravissimo tecnicamente.